Logo_Terra_Felix_Cooperativa_succivo
seguici su Instagram

Circa Silvia Cerbone

Questo autore non ha riempito alcun dettaglio.
Finora Silvia Cerbone ha creato 20 post nel blog.

Offerta di lavoro: Barista con Passione per il Territorio

Di |2024-06-13T10:21:24+02:00Giugno 12th, 2024|

Posizione: Barista con Passione per il Territorio e l’Impegno Sociale

Luogo di lavoro: Sant’Arpino, Campania, Italia

Chi è Terra Felix: Siamo una realtà giovane e dinamica, impegnata nel sociale e profondamente radicata nel territorio. La nostra missione è promuovere l’inclusione sociale e la sostenibilità ambientale attraverso il nostro lavoro quotidiano. Siamo orgogliosi di collaborare con persone con disabilità, creando un ambiente di lavoro inclusivo e stimolante.

Chi stiamo cercando: Cerchiamo una persona appassionata al territorio e all’ambiente, che condivida i nostri valori e desideri contribuire attivamente alla nostra missione. La figura selezionata lavorerà come barista, svolgendo le seguenti mansioni:

  • Preparazione e servizio di bevande e alimenti.
  • Gestione delle ordinazioni e del servizio clienti.
  • Mantenimento della pulizia e dell’ordine del bar.
  • Collaborazione con il team, inclusi colleghi con disabilità, per garantire un ambiente di lavoro inclusivo e positivo.
  • Partecipazione ad attività e iniziative volte alla promozione della sostenibilità ambientale e dell’inclusione sociale.

 

Requisiti:

  • Esperienza comprovata come barista.
  • Passione per il territorio e l’ambiente.
  • Impegno nel sociale e nella promozione dell’inclusione.
  • Capacità di lavorare in un ambiente giovane e dinamico.
  • Ottime doti comunicative e relazionali.
  • Attitudine positiva e capacità di lavorare in squadra.
  • Flessibilità e disponibilità a lavorare su turni, inclusi i weekend.

Cosa offriamo:

  • Un ambiente di lavoro stimolante e inclusivo.
  • Opportunità di crescita professionale e personale.
  • Coinvolgimento in progetti sociali e ambientali.
  • Un team giovane e dinamico, con un forte spirito di collaborazione.

Come candidarsi:

Applica subito su [LinkedIn]

Oppure invia il tuo curriculum vitae accompagnato da una lettera di motivazione all’indirizzo comunicazione@terrafelix.eu entro il 10 giugno 2024.

Nella lettera, raccontaci perché sei la persona giusta per questa posizione e come condividi i nostri valori.

Contatti:

Per ulteriori informazioni, puoi contattarci al numero +393346075230 o via email all’indirizzo c.sannino@terrafelix.eu

Terra Felix soc. coop. sociale

Telefono:

0815011641

Email:

comunicazione@terrafelix.eu

 

Zucchina buona e salutare anche in friggitrice ad aria!

Di |2024-06-07T17:37:44+02:00Giugno 10th, 2024|

La zucchina, appartenente alla famiglia delle Cucurbitaceae, è tra gli ortaggi più versatili e amati nella cucina mediterranea e non solo.

Apprezzata per il suo sapore delicato e la sua capacità di adattarsi a numerose preparazioni culinarie,  è anche un concentrato di nutrienti e benefici per la salute. 

Scopriamo insieme le proprietà nutritive, alcune curiosità e una ricetta salutare realizzata con la friggitrice ad aria.

La zucchina un concentrato di salute

La zucchina è un alimento a basso contenuto calorico, ricco di vitamine, minerali e antiossidanti. Le vitamine presenti, in particolare la vitamina C, aiutano a rafforzare il sistema immunitario e a proteggere le cellule dai danni ossidativi. Il potassio inoltre aiuta a regolare la pressione sanguigna, mentre il basso contenuto di grassi e sodio favorisce la salute del cuore. 

Le zucchine inoltre sono ricche d’acqua, circa il 95%, dunque sono ottime per mantenere l’idratazione e favorire la digestione.

Possono essere consumate crude, cotte, grigliate, al vapore, saltate in padella ma anche cotte in friggitrice ad aria.

Le friggitrici ad aria stanno guadagnando popolarità come metodo di cottura più salutare rispetto alla frittura tradizionale. Utilizzano aria calda circolante per cuocere il cibo, riducendo significativamente la quantità di olio necessario e quindi il contenuto calorico e di grassi delle pietanze. 

Chips di Zucchine con Friggitrice ad Aria

Ecco una ricetta semplice, veloce e salutare per preparare delle deliziose chips di zucchine.

Ingredienti:

  • 2 zucchine medie
  • 2 cucchiai di olio d’oliva extravergine
  • 1/2 tazza di pangrattato
  • 1/4 tazza di parmigiano grattugiato
  • Sale e pepe q.b.
  • Erbe aromatiche a piacere (origano, timo, basilico)

Preparazione:

  • Lava e taglia le zucchine a rondelle sottili
  • In una ciotola, mescola le rondelle di zucchine con l’olio d’oliva, assicurandoti che siano ben ricoperte.
  • In un’altra ciotola, mescola il pangrattato, il parmigiano, il sale, il pepe e le erbe aromatiche. Passa ogni rondella di zucchina nella miscela di pangrattato, premendo leggermente per farla aderire.
  • Disponi le rondelle di zucchine in un singolo strato nel cestello della friggitrice ad aria. 
  • Cuoci a 200°C per circa 10-12 minuti, o finché non saranno dorate e croccanti, girandole a metà cottura.
  • Servi le chips di zucchine calde, accompagnate da una salsa di yogurt o una maionese leggera.

Le zucchine sono un ortaggio straordinario, ricco di nutrienti e benefici per la salute. Versatili e gustose, possono essere utilizzate in numerose preparazioni culinarie. Utilizzando la friggitrice ad aria, è possibile preparare snack deliziosi e croccanti con meno olio, rendendoli una scelta più salutare rispetto alla frittura tradizionale. Un’alternativa gustosa e nutriente che tutta la famiglia amerà!

 

Seguici su:

Facebook e Instagram

Le fragole: falsi frutti dal sapore e dalle proprietà uniche

Di |2024-05-02T10:21:23+02:00Maggio 2nd, 2024|

La fragola è una delizia tra le più attese con l’arrivo delle prime giornate calde di primavera. Con il suo colore e profumo inconfondibile, questo succoso frutto, è disponibile in abbondanza durante il mese di maggio.

Le origini del frutto

Le fragole sono coltivate e apprezzate fin dall’antichità. Le prime fragole selvatiche crescevano in Europa e in Nord America e venivano raccolte e consumate dalle popolazioni indigene. In effetti la progenitrice della fragola si trova ancora nei boschi di bassa montagna nella sua forma spontanea: la fragolina di bosco. Mentre la fragola moderna è frutto di incroci selezionati tra diverse varietà.

Fragola: un falso frutto

La fragola appartiene alla famiglia delle piante del genere Fragaria a cui appartengono molte specie differenti. In realtà, contrariamente a quanto si possa pensare, le fragole non sono tecnicamente frutti, ma infruttescenze. I veri frutti sono invece i semini giallo-bruno posizionati sulla superficie della fragola che a loro volta contengono un semino unico.

La stagione delle fragole è relativamente breve, con il picco di produzione che cade tra aprile e giugno. È quindi il momento ideale per gustare le fragole e godere delle loro proprietà benefiche.

Alcuni dei principali nutrienti presenti nelle fragole:

Le fragole sono un’ottima fonte di vitamina C che svolge un ruolo chiave nel sostenere il sistema immunitario e per la salute della pelle. Sono poi ricche di fibre, che favoriscono la digestione, aiutano a regolare il livello di zucchero nel sangue e contribuiscono a mantenere il senso di sazietà.

Questi frutti sono ricchi di antiossidanti, come i flavonoidi, che possono contribuire a ridurre l’infiammazione e a proteggere le cellule dai danni causati dallo stress ossidativo.

Grazie all’abbondanza di vitamina C e di antiossidanti, le fragole possono contribuire a mantenere la pelle sana e luminosa, proteggendola dai danni causati dai radicali liberi e stimolando la produzione di collagene.

Dessert alle fragole

Le fragole possono essere consumate in molti modi diversi. Si possono mangiare fresche, aggiungere a insalate, frullare per smoothie o dolci, oppure utilizzare come guarnizione per dessert.

Noi vi proponiamo la ricetta per una deliziosa crostata monoporzione con ricotta di bufala campana, miele e fragole, perfetta da servire agli ospiti:

Ingredienti:

  • 100g di pasta frolla (puoi prepararla in casa o utilizzare quella pronta)
  • 100g di ricotta di bufala campana
  • 1-2 cucchiai di miele (a seconda del gusto)
  • Fragole fresche q.b.
  • Zeste di limone (facoltativo, per guarnire)

Procedimento:

  1. Preriscalda il forno a 180°C.
  2. Stendi la pasta frolla e ricava dei dischi di circa 10 cm di diametro (puoi usare degli stampini monoporzione per aiutarti).
  3. Adagia i dischi di pasta frolla negli stampini monoporzione, facendo attenzione a far aderire bene la pasta sui bordi. Punzecchia il fondo della pasta con una forchetta.
  4. Cuoci la pasta frolla in bianco per circa 15-20 minuti, o finché diventa leggermente dorata. Una volta cotta, lascia raffreddare le basi di frolla.
  5. Mentre le basi si raffreddano, prepara il ripieno mescolando la ricotta di bufala con il miele. Assaggia e aggiungi più miele se desideri una dolcezza maggiore.
  6. Una volta che le basi di frolla si sono raffreddate, riempile con il composto di ricotta e miele, distribuendolo uniformemente.
  7. Lavare e tagliare le fragole a fettine sottili. Adagiare le fettine di fragola sulla crema di ricotta e miele, disegnando una disposizione piacevole.
  8. Opzionale: guarnire con zeste di limone grattugiato per un tocco di freschezza.
  9. Servi le crostate monoporzione di ricotta di bufala, miele e fragole agli ospiti e goditi i complimenti!

Questo dessert è fresco, cremoso e pieno di sapore, perfetto per concludere un pasto con stile e raffinatezza. Buon appetito! 🍓🍰

fragole

Instagram

I piselli: gustosi e nutrienti regali della primavera

Di |2024-03-29T03:04:23+01:00Aprile 1st, 2024|

Con l’arrivo della primavera, è tempo di festeggiare la rinascita della natura e godersi momenti di gioia e convivialità con i propri cari. Tra pochi giorni poi celebreremo la santa Pasqua e ammettiamolo, durante questo periodo di festa, spesso ci concediamo delizie culinarie in abbondanza, ma non dimentichiamoci di dare il giusto spazio a frutta e verdura di stagione nella nostra dieta. 

Tra le verdure di stagione, i piselli rappresentano un’autentica delizia primaverile, ricchi di gusto e di proprietà benefiche. Il nome scientifico dei piselli è Pisum sativum, e appartengono alla famiglia delle Fabaceae. La pianta è nota per i suoi caratteristici baccelli verdi contenenti i semi commestibili. 

In molte culture, i piselli sono considerati un simbolo di buon auspicio e abbondanza. In alcune tradizioni, ad esempio, i piselli vengono mangiati durante le celebrazioni di Capodanno per attirare prosperità e fortuna nell’anno nuovo.

Curiosità Botanica: 

Il Pisum Sativum è una pianta leguminosa che ha la capacità di fissare l’azoto atmosferico nel terreno, migliorando la sua fertilità e contribuendo alla salute del suolo. Questa caratteristica la rende anche utile come coltura di copertura nei sistemi agricoli sostenibili.

Nutrienti:

I piselli sono preziosi non solo per il suolo ma anche per il nostro organismo. Contribuiscono a mantenerlo sano e vitale grazie alla ricca fonte di nutrienti essenziali di cui sono costituiti:

  1. Ricchi di Proteine: sono una fonte vegetale di proteine di alta qualità, essenziali per la costruzione e il ripristino dei tessuti muscolari, nonché per il corretto funzionamento del nostro organismo.
  1. Alti in Fibre: Le fibre presenti nei piselli favoriscono la salute del sistema digerente, aiutando a regolare il transito intestinale e a prevenire problemi come la stitichezza e i disturbi digestivi.
  1. Fonte di Vitamine: sono ricchi di vitamine del gruppo B, vitamina C e vitamina K, che svolgono un ruolo fondamentale nella salute delle ossa, nel sistema immunitario e nella produzione di energia.
  1. Ricchi di Minerali: contengono minerali importanti come ferro, zinco, magnesio e potassio, che sono essenziali per la salute del cuore, la regolazione della pressione sanguigna e la funzione muscolare.
  1. Bassi in Grassi: sono naturalmente a basso contenuto di grassi saturi e colesterolo, il che li rende un’ottima scelta per mantenere una dieta equilibrata e ridurre il rischio di malattie cardiovascolari.

Ricetta di spaghetti con crema di piselli, pecorino e pepe

I piselli possono essere preparati in molti modi deliziosi, sia come piatto principale che come contorno, sia freschi che secchi. Possono essere utilizzati in zuppe, insalate, contorni, piatti di riso e pasta, oppure possono essere serviti come piatto principale o snack salutare. Noi vi suggeriamo un delizioso primo di spaghetti con crema di piselli, pecorino e pepe.

Ingredienti:

  • 320g di spaghetti
  • 200g di piselli freschi o surgelati
  • 50g di pecorino romano grattugiato
  • Pepe nero macinato fresco, q.b.
  • Sale, q.b.
  • Olio extravergine d’oliva, q.b.
  • 1 spicchio d’aglio (opzionale)

Istruzioni:

  • In una pentola capiente, porta a ebollizione abbondante acqua salata. Aggiungi gli spaghetti e cuoci fino a quando sono al dente.
  • Nel frattempo, se utilizzi piselli freschi, cuocili in una pentola d’acqua bollente per circa 3-5 minuti, finché non sono teneri. Se utilizzi piselli surgelati, puoi cuocerli direttamente senza scongelarli.
  • Una volta cotti, scola i piselli e trasferiscili in un frullatore o un mixer ad immersione. Aggiungi anche il pecorino grattugiato e un pizzico di pepe nero macinato fresco. Se vuoi un sapore più deciso, puoi aggiungere anche uno spicchio d’aglio sbucciato.
  • Frulla tutto fino a ottenere una crema liscia e omogenea. Se la consistenza risulta troppo densa, puoi aggiungere un po’ di acqua di cottura degli spaghetti per diluire la crema.
  • Scola gli spaghetti al dente e trasferiscili nella padella dove hai cotto i piselli. Aggiungi la crema di piselli e pecorino e mescola bene per far amalgamare tutti gli ingredienti.
  • Servi gli spaghetti con crema di piselli, pecorino e pepe caldi, aggiungendo un filo d’olio extravergine d’oliva e una generosa spolverata di pecorino grattugiato fresco e pepe nero macinato sulla superficie. 

Buon appetito!

 

Seguici sui social:

Instagram

Facebook

 A.E.I.O.U. per l’Ucraina: un Progetto di Accoglienza e Integrazione

Di |2024-03-26T16:22:14+01:00Marzo 26th, 2024|

Il 13 marzo 2023, la Fondazione Cassa depositi e prestiti ha annunciato il bando “Emergenza Ucraina”, un’iniziativa volta a individuare e finanziare progetti capaci di rispondere ai bisogni della popolazione colpita dalla guerra. Tra le numerose proposte, il progetto “A.E.I.O.U. – Accoglienza Emozioni Iniziative Ospitalità per l’Ucraina” si è distinto, guadagnando il primo posto nella valutazione.

Chi sono i partner del progetto?

Il progetto vede la collaborazione di diversi partner, tra cui la Cooperativa Sociale Terra Felix, Mygrants, e Future Food Institute. Queste organizzazioni, ciascuna con la propria esperienza e missione, si sono unite per creare un programma di accoglienza dedicato a 1.500 cittadini ucraini rifugiati in Italia.

Obiettivi del progetto 

Il progetto mira a favorire l’integrazione dei beneficiari attraverso diverse azioni:

  • la sperimentazione di spazi di cittadinanza digitale, con l’impiego della piattaforma digitale Mygrants, con cui poter costruire il proprio percorso di empowerment;
  • il potenziamento delle competenze spendibili sul mercato del lavoro, segnatamente nell’ambito di agricoltura rigenerativa, turismo sostenibile e digitale;
  • un percorso di inclusione lavorativa, sociale ed economica in diversi settori della green economy: agricoltura, turismo sostenibile, artigianato, beni comuni e beni culturali;
  • il sostegno alla mobilità costruttiva e qualificante delle persone accolte sul territorio nazionale, per costruire un patrimonio di conoscenze, competenze e relazioni, che stimoli forme di cooperazione tra persone e territori.

La piattaforma A.E.I.O.U. agisce come un’importante risorsa per gli ucraini interessati al turismo sostenibile, all’agricoltura e all’ospitalità in Italia. Oltre alla formazione di base, offre opportunità di crescita personale e professionale, consentendo agli individui di contribuire attivamente allo sviluppo agricolo del paese.

Il programma

Il programma si articola in tre fasi dinamiche: una formazione online approfondita, un’esperienza formativa pratica in luoghi selezionati, l’ex Comune di Atella di Napoli e il Campus Paideia a Pollica, e il supporto per il collocamento nel settore della green economy. I corsi coprono una vasta gamma di argomenti, inclusi soft skills, agricoltura rigenerativa, turismo sostenibile e molto altro.

Il progetto “A.E.I.O.U. – Accoglienza Emozioni Iniziative Ospitalità per l’Ucraina” rappresenta un importante passo avanti nella promozione dell’integrazione e nell’offerta di opportunità ai rifugiati ucraini in Italia. Grazie alla collaborazione tra diverse organizzazioni e alla dedizione dei suoi partner, questo progetto offre una speranza tangibile per un futuro migliore per coloro che sono stati colpiti dalla guerra e dalla violenza.

I Friarielli: gusto e salute in un solo mazzo!

Di |2024-03-01T09:27:42+01:00Marzo 1st, 2024|

Mentre aspettiamo l’arrivo della primavera, le belle giornate e i picnic all’aperto, approfittiamo delle verdure di marzo per fare ancora scorpacciata di vitamine e minerali utili a rinforzare il nostro sistema immunitario.

A marzo infatti la verdura invernale è ancora la protagonista, con deliziose varietà di verdure a foglia verde tra cui cavoli, barbabietole e rape insieme a finocchi, carote e patate. 

I friarielli napoletani

Ma c’è anche un’altra verdura che non possiamo lasciarci sfuggire: i friarielli napoletani! 

I friarielli sono le infiorescenze appena sviluppate della pianta Brassica rapa e sono tipici della cucina napoletana e campana.

Hanno foglie tenere e cime succulente. La loro caratteristica forma a mazzetto e il colore verde scuro li rendono facilmente riconoscibili. Il loro sapore è unico: una piacevole combinazione di dolcezza e leggero amaro, che si sposa alla perfezione con la cucina mediterranea.

Origine del nome

Al di fuori della Campania sono conosciuti ai più come “cime di rapa” o “broccoli di rapa” e in effetti proprio sull’origine del nome “friarielli” si sono avanzate diverse ipotesi.

Un’ipotesi circa il nome friariello afferma che la parola derivi dal castigliano “frio-grelos” che significa broccoletti invernali. Altri, invece, pensano che abbia origine da “frijere” che in napoletano significa friggere.

Proprietà nutritive dei friarielli

I friarielli sono una fonte preziosa di vitamina A, vitamina C, vitamina K, vitamina B6, calcio, potassio, ferro e folati. Questi nutrienti sono importanti per il corretto funzionamento del corpo e contribuiscono a mantenere la salute di ossa, muscoli, pelle e sistema immunitario.

I friarielli sono poi ricchi di fibre, fondamentali per la salute del sistema digerente. Le fibre favoriscono il transito intestinale, aiutano a regolare il livello di zucchero nel sangue e contribuiscono a mantenere un peso corporeo sano.

friarielli

Come cucinare i friarielli

I friarielli sono estremamente versatili e possono essere utilizzati in numerose ricette. Si prestano bene alla preparazione di primi piatti, come la celebre “pasta con i friarielli”, ma sono deliziosi anche come contorno o condimento per pizza e focaccia. La loro consistenza croccante li rende perfetti anche per essere saltati in padella con aglio, olio e peperoncino.

Ma il piatto più iconico della cucina napoletana è salsiccia e friarielli, un connubio di sapori robusti e irresistibili. 

Qui la ricetta:

Ingredienti:
  • 400g di salsiccia fresca napoletana
  • 500g di friarielli
  • Olio extravergine d’oliva
  • Peperoncino (facoltativo)
  • Sale q.b.
Preparazione:

1. Pulisci accuratamente i friarielli eliminando le parti dure e lavandoli sotto acqua corrente.

2. Taglia la salsiccia fresca a pezzi della dimensione desiderata.

3. In una padella capiente, fai scaldare un filo d’olio extravergine d’oliva e aggiungi la salsiccia.

4. Fai rosolare la salsiccia fino a quando non risulterà dorata e croccante.

5. Aggiungi i friarielli alla padella e cuoci a fuoco medio fino a quando saranno appassiti e teneri.

6. Aggiusta di sale e, se gradito, aggiungi del peperoncino per un tocco di piccantezza.

7. Servi caldo e gusta il piacere autentico della cucina napoletana.

Curiosità

Una leggenda vuole che il connubio tra salsiccia e friarielli nasca dall’idea di un ambulante, che non avendo nessun contorno da abbinare alla salsiccia di maiale, provò le amarissime cime di rapa tanto denigrate dai nobili cuochi. Da qui il detto proverbiale napoletano: “A sasicc è a mort d’ ‘o friariell”.

I Funghi Cardoncello: deliziosi e nutrienti funghi di stagione

Di |2024-02-02T10:02:12+01:00Febbraio 2nd, 2024|

Mangiare in modo sostenibile non è solo vantaggioso per il pianeta, ma anche per la nostra salute. La scelta di consumare prodotti di stagione non solo riduce l’impatto del trasporto alimentare, ma ci consente anche di variare la nostra dieta e stimolare la creatività in cucina.

Febbraio porta con sé un’ampia varietà di gustosi ortaggi che possiamo apprezzare. Tra questi spiccano le diverse varietà di cavolo come cavolfiori, cavolo verza, cavolini di Bruxelles e broccoli. Inoltre, possiamo godere di carote, finocchi, rape, spinaci e lattughe, tutti ingredienti che non solo arricchiscono il nostro palato ma forniscono preziosi nutrienti al nostro corpo.

Anche i funghi Pleurotus, noti come funghi orecchie di Giuda, sono tra le prelibatezze di stagione più attese dagli appassionati di cucina. Questi funghi, appartenenti alla famiglia Pleurotaceae, comprendono diverse specie, tra cui le più conosciute sono il Pleurotus ostreatus (più comunemente noto come orecchione) e il Pleurotus eryngii chiamato anche Cardoncello.

Il fungo Cardoncello

Il Cardoncello (Pleurotus eryngii) si riconosce per il suo gambo spesso e il cappello carnoso. È noto anche come “fungo del cardo” per via del suo habitat naturale, spesso trovato nei pressi di radici di cardo e altre piante erbacee. La sua stagionalità principale si colloca tra l’autunno e la primavera, con il periodo ideale per la raccolta che va da ottobre ad aprile. Questo fungo è diffuso in molte regioni, ed è particolarmente apprezzato in Italia, dove è coltivato con successo.

Proprietà Nutritive

Oltre al suo sapore unico, il cardoncello è apprezzato anche per le sue proprietà nutritive. È una fonte notevole di proteine, fibre, vitamine e minerali essenziali. Questo fungo è particolarmente ricco di potassio, fosforo, vitamina B, e presenta una quantità significativa di antiossidanti, contribuendo così a una dieta equilibrata.

Il Cardoncello in cucina

Si prestano a numerose preparazioni in cucina. Possono essere saltati in padella con aglio e prezzemolo, utilizzati per arricchire zuppe e risotti, o grigliati e serviti come contorno. Inoltre, la consistenza carnosa dei cardoncelli li rende ideali come sostituti della carne in molti piatti vegetariani e vegani, offrendo un’alternativa nutriente e saporita.

Inoltre, la loro capacità di assorbire sapori li rende perfetti per marinature e per essere utilizzati in abbinamento a formaggi, erbe aromatiche e spezie, consentendo una vasta gamma di opzioni culinarie.

In conclusione, i funghi Cardoncello sono una deliziosa aggiunta alla cucina di febbraio, offrendo non solo un sapore unico, ma anche benefici per la salute. La loro versatilità in cucina li rende un ingrediente amato da chef e appassionati di buon cibo in tutto il mondo.

 

 

Tirocini formativi per persone con disabilità

Di |2024-01-17T12:06:02+01:00Gennaio 17th, 2024|

Teverolaccio Rural Hub (TRH), sostenuto dalla Fondazione con il Sud, avvierà tirocini formativi volti all’inserimento lavorativo di persone con disabilità. Questo centro polivalente, orientato alla ruralità e supportato da un partenariato diversificato, si impegna a sostenere l’imprenditorialità sociale, l’educazione ambientale e l’inclusione sociale.

In collaborazione con la Cooperativa Sociale Terra Felix, Fish Campania Onlus e Mestieri Campania, TRH intende selezionare 5 tirocinanti impegnati in attività di segreteria, gestione e manutenzione, pulizia e cura degli uffici e aree dell’hub, attività all’aperto di cura del verde e agricoltura sostenibile.

Requisiti per partecipare

I requisiti di partecipazione sono:

  • età compresa tra i 18 e 45 anni;
  • assoluzione dell’obbligo di istruzione;
  • presa in carico da parte dei servizi sociali/sanitari di riferimento;
  • essere in possesso di certificazione di disabilità, ai sensi della legge 104/92 e legge 68/99 (disabilità uguale o maggiore del 46%);
  • essere iscritto al Collocamento Mirato/Centro per l’Impiego;
  • essere nello stato di inoccupazione e/o disoccupazione al momento dell’attivazione dei tirocini.

I tirocini avranno una durata di 4 mesi, con un’indennità mensile lorda di € 500,00, per un totale complessivo di € 2.000,00.

L’obiettivo principale dei tirocini è quello di fornire un percorso di orientamento e formazione per potenziare le capacità dei partecipanti, promuovendo così condizioni di pari opportunità nel mondo del lavoro e l’inclusione di lavoratori con disabilità.

Come presentare la domanda

Coloro interessati a candidarsi o a ricevere ulteriori informazioni possono inviare una mail all’indirizzo di posta: campania@fishonlus.it, oppure rivolgersi direttamente allo sportello Fish Campania presso Teverolaccio Rural Hub, Casale di Teverolaccio,  via XXIV Maggio, Succivo ogni giovedì dalle ore 14:00 alle ore 17:00.

tirocini

Segui gli aggiornamenti sui social:

Facebook

Instagram

Atella in Bici: promuovere la mobilità sostenibile a Sant’Arpino

Di |2024-01-09T12:53:33+01:00Gennaio 9th, 2024|

Il giorno 13 dicembre 2023 presso il caffè letterario Macrì di Sant’Arpino, nell’ambito di Atella in bici, è stato promosso il primo laboratorio per la realizzazione della “bicipolitana” atellana, un “bici-aperitivo”, tra i partner del progetto e aperto alla popolazione, volto alla presentazione dei contenuti del progetto stesso e alla realizzazione di una mappa, sul territorio del comune di Sant’Arpino, per l’individuazione dei luoghi cittadini di maggiore interesse e affluenza, dove posizionare rastrelliere e arredi urbani per il parcheggio e la manutenzione delle biciclette che saranno distribuite ai cittadini dei comuni atellani per promuovere la mobilità sostenibile.

UN’OCCASIONE DI CONFRONTO E CO-PROGETTAZIONE:

L’incontro è stato aperto chiedendo ai partecipanti, tra cui molti adolescenti, di indicare le difficoltà di spostamento, senza ricorrere alle automobili, da casa per i luoghi di lavoro, di scuola e tempo libero, a cui ognuno di noi fa fronte nella quotidianità. La presenza di strade disconnesse e marciapiedi inadeguati nelle dimensioni e nella continuità, e assenza di mezzi pubblici, parcheggi per biciclette e piste ciclabili sono tra le carenze infrastrutturali rilevate nel nostro territorio, alle quali, a scoraggiare l’utilizzo di bici, si aggiungono il traffico spesso indisciplinato e lo scarso senso civico di molti automobilisti che rendono le strade poco sicure per gli utenti che vogliono utilizzare sistemi di mobilità green.

mobilità

Per identificare percorsi sicuri e aree dove è possibile collocare le biciclette, oltre a luoghi dove poter riparare e manutenere i veicoli, una grande mappa dei territori del comune è stata messa a disposizione dei partecipanti, i quali, muniti di evidenziatori e penne colorate, hanno individuato sulla pianta, le zone e i luoghi idonei. Sono state evidenziate piazze, vie dello shopping, scuole, uffici pubblici e luoghi di aggregazione maggiormente frequentati dove collocare le infrastrutture adeguate a sostegno della mobilità verde.

Visto il riscontro e l’interesse suscitato tra i partecipanti, dall’incontro è emersa la volontà, in tempi brevi, di promuovere il progetto Atella in bici presso il comune di Succivo.

 

L’incontro si è concluso con un aperitivo ed un buffet come momento conviviale e brindisi di buon augurio.

 

La cooperativa Terrafelix non deve andare in fumo

Di |2023-09-28T14:47:17+02:00Settembre 28th, 2023|

Riprendiamo a parlare dei nostri “eroi verdi”. Stavolta, però, dobbiamo raccontare una vicenda non bella, capitata agli amici della cooperativa anti camorra Terrafelix. Tre anni fa abbiamo raccontato la loro storia, una coop creata da un gruppo di ragazzi di Succivo, in provincia di Caserta, che coinvolgendo la popolazione ha fatto risorgere il Casale di Teverolaccio. Nel corso degli anni la cooperativa è cresciuta, ha avviato tante iniziative sociali, percorsi didattici e preso in gestione due terreni (uno da cinque e l’altro da sette ettari) confiscati al clan Schiavone. L’obiettivo? Rigenerare il suolo attraverso la coltivazione del cardo, una pianta in grado di disinquinare il terreno.

Non solo: l’olio prodotto dal seme di cardo è perfetto per la creazione di bioplastiche e per produrre acido pelargonico, un diserbante naturale. E i residui essiccati delle piante, trasformati in cubetti, possono essere la base naturale per la coltivazione dei funghi: i #GreenHeroes di Terrafelix hanno costruito una fungaia che produce ogni mese una tonnellata di funghi.

Purtroppo, questa estate la cooperativa è stata duramente colpita da alcuni “inspiegabili” incendi. Il 25 luglio è andata a fuoco l’auto di Rosario Russo, una delle undici persone che lavorano nella cooperativa. A Ferragosto, invece, il campo di sette ettari gestito da Terrafelix è andato in fumo, unico terreno colpito della zona. Incidenti molto sospetti, che non fermano la voglia dei ragazzi di Terrafelix di andare avanti per far tornare questa terra produttiva. Noi li possiamo aiutare acquistando funghi e gli altri prodotti in vendita sul loro store digitale, e sensibilizzando l’opinione pubblica e soprattutto le istituzioni: devono proteggere chi, senza troppe chiacchiere, cura una terra che ha molto sofferto.

 

di Alessandro Gassman

Trasporto pubblico: 200 mila cittadini lasciati senza risposta

Di |2023-09-08T11:38:38+02:00Settembre 8th, 2023|

Non si conoscono le sorti della linea Caivano-Aversa, interrotta due anni fa per il fallimento di CTP.

“Evidentemente i 200 mila cittadini che popolano i Comuni interessati non meritano di essere informati o addirittura non meritano che sia ripristinato il servizio,” commenta Antonio Pascale, presidente del circolo Legambiente Atellano.

Gli ambientalisti avevano chiesto, a inizio anno, il ripristino della linea di trasporto su gomma e il collegamento del territorio atellano alla stazione AV di Afragola.  “Dopo la nostra richiesta di riattivare il servizio di trasporto pubblico e un incontro fatto con la Regione e i rappresentanti dell’azienda AIR – continua Pascale – non sappiamo se il servizio sarà attivato in tempo per l’inizio delle scuole. Più di un mese fa, abbiamo chiesto ad AIR di conoscere la data di attivazione e la tabella oraria in modo da pubblicizzarla, soprattutto per i giovani che da tutto il comprensorio si spostano verso le scuole e l’università di Aversa, ma non abbiamo avuto risposta. Eppure, quello che è successo a Caivano la scorsa settimana è frutto di un degrado del territorio, privato di qualsiasi servizio essenziale e il trasporto pubblico è uno di questi” conclude Pascale. “Siamo stanchi di aspettare e di chiedere che ci venga restituito ciò che spetta di diritto ai cittadini di questo territorio sperando che come al solito non lascino le briciole.”

 

FB: Legambiente Geofilos

Zucchine: l’ortaggio estivo che conquista il palato e fa bene alla salute

Di |2023-07-20T12:49:05+02:00Luglio 20th, 2023|

Le zucchine sono un ortaggio versatile e delizioso che si trova abbondantemente sulle tavole estive. Con la loro forma allungata e il colore vivace, sono un’aggiunta perfetta a qualsiasi piatto estivo. Oltre al loro gusto delicato e alla consistenza croccante, le zucchine offrono numerosi benefici per la salute, facendo di loro un alimento eccellente da includere nella dieta estiva.

 

Zucchine: Proprietà e benefici

Una delle proprietà principali delle zucchine è la loro bassa quantità di calorie. Con soli 17 calorie per 100 grammi di zucchine crude, possono essere consumate senza sensi di colpa. Sono, come molte verdure, ricche di acqua, il che le rende un’ottima scelta per idratarsi durante le calde giornate estive. Per la loro alta digeribilità e il loro gusto dolce sono apprezzate anche dai bambini, motivo per cui vengono utilizzate dalle mamme per lo svezzamento dei neonati.

Le zucchine sono una fonte di fibre alimentari, che favoriscono la digestione e contribuiscono a mantenere il senso di sazietà. Contengono inoltre un ottimo contenuto di vitamine e sali minerali.

Ma le zucchine non sono solo salutari, sono anche incredibilmente versatili in cucina. Possono essere preparate in una varietà di modi infinita: grigliate, saltate in padella, arrostite, fritte o anche consumate crude in insalate estive. La zucchina è anche un ingrediente molto utilizzato per realizzare ripieni, come le lasagne di zucchine o pasta con il suo pesto.

zucchine

La zucchina è tradizione 

Una delle ricette estive con le zucchine più amate in Campania sono gli Spaghetti alla Nerano. Un piatto della tradizione partenopea che conquista tutti per la sua semplicità e bontà. La ricetta prende il nome dalla località in cui fu realizzata, la piccola baia di Nerano, che si trova nella penisola Sorrentina. Qui la tradizione vuole che sia nata l’intuizione di aggiungere al classico piatto di pasta e zucchine una bella manciata di Provolone del Monaco che amalgamato aiuta a legare di più la pasta con la verdura, rendendo il piatto un mix di gusto e cremosità.

Detto così però il piatto può sembrare abbastanza banale, una piccola aggiunta di formaggio ad una classica pasta con le zucchine, ma non è così. Ci sono piccoli accorgimenti che bisogna seguire per far si che la Nerano sia, per una buona forchetta napoletana, all’altezza della tradizione.

Innanzitutto il taglio delle zucchine, che non devono essere tagliate a pezzi, ma a dischetti sottili, per permettere una frittura leggera e rapida. Dopo averle fritte, le zucchine poi vanno scolate per bene dall’olio d’oliva. Un altro passaggio della ricetta che richiede attenzione è poi l’aggiunta del formaggio che a volte eccede andando a coprire il sapore delicato della zucchina. 

Un’altra ricetta gustosa e facile da preparare sono le zucchine marinate, un ottimo contorno estivo che può essere consumato anche dopo diversi giorni se conservato bene in frigorifero. Basta tagliare le zucchine a rondelle o a fettine sottili e grigliarle velocemente su entrambi i lati. Disporle a strati in un contenitore alto e cospargere ogni strato con un trito di menta, basilico, aglio, un pizzico di sale, un filo d’olio e un po’ d’aceto e lasciarle marinare almeno un paio d’ore prima di gustarle.

In conclusione con la loro bassa quantità di calorie, l’alta percentuale di acqua e le proprietà nutritive, le zucchine sono un’ottima scelta per mantenere una dieta equilibrata durante i mesi più caldi. Quindi, sperimenta in cucina e lasciati ispirare dalle numerose ricette estive che possono ravvivare il tuo palato e soddisfare i tuoi sensi. Buon appetito!

Titolo

Torna in cima