terra-felix-logo-header
seguici su Instagram

Mattinata di confronto sulla gestione dei beni confiscati

Di |2023-03-15T08:03:50+01:00Febbraio 25th, 2023|

Si è tenuto al complesso di Santa Chiara a Napoli un momento di approfondimento e confronto sulla gestione dei beni confiscati in Campania.

L’evento organizzato da Libera Campania ha visto la partecipazione di numerose organizzazioni sociali e del rappresentante dell’Ufficio campani dell’Agenzia Nazionale per i beni confiscati.

Anche la Cooperativa Terra Felix ha partecipato all’incontro Regionale dei Gestori di Beni confiscati alla mafia.
Abbiamo raccontato la nostra esperienza ed esortato tutti gli altri gestori a promuovere momenti di co-progettazione in vista della valanga di risorse, ben 105 Milioni di Euro che stanziati dal PNRR in Campania.
La sintesi della mattinata con l’intervista a Riccardo Falcone responsabile beni confiscati di Libera Campania

Il nostro cardo su Green & Blu di Repubblica

Di |2023-03-12T17:20:22+01:00Maggio 12th, 2022|

Il nostro progetto di Bioeconomia circolare sul campo confiscato a Santa Maria la Fossa (CE) è raccontato da Giacomo Talignani su Repubblica.

 

Il cardo anticamorra che cresce nella Terra dei Fuochi

Nel Casertano, sui terreni sequestrati al boss dei Casalesi Francesco Schiavone detto “Sandokan”, la cooperativa Terra Felix ha avviato una produzione dell’ortaggio per ottenere bioplastiche. “Troppo inquinamento, impossibile coltivare per l’agroalimentare”

Grazie alla cooperativa Terra Felix  in provincia di Caserta, i terreni confiscati a “Sandokan”, il boss dei casalesi Francesco Schiavone al centro delle cronache di Gomorra, hanno avuto l’opportunità di rinascere. Quei terreni negli anni, come molti altri nella Terra dei Fuochi, erano diventati di tutto: discariche abusive, zone dove infossare i rifiuti, spazi per i traffici illegali.

Continua la lettira su Repubblica.it

 

Titolo

Torna in cima