Una bella giornata di fine estate. Il sole di Procida dà luce ed energia ad alcune tra le migliori esperienze agricole che si realizzano in Campania, all’insegna della sostenibilità ambientale, della coesione sociale, dell’innovazione di prodotto e di processo.
E’ il 7 settembre e il Team Agrofood della cooperativa sociale Terra Felix é in trasferta nell’isola Capitale italiana della Cultura 2022, in occasione della  quattordicesima edizione di Oscar Green, il Premio promosso da Coldiretti Giovani Impresa.

Il Premio ha ormai una storia di rilievo, che negli anni ha dato il giusto riconoscimento ad esperienze di imprenditorialità agricola che tutelano e valorizzano i rispettivi territori e le comunità che li abitano. L’obiettivo dell’iniziativa di Coldiretti è premiare le giovani idee di tutela, innovazione e promozione dell’agricoltura sana del territorio regionale.

Terra Felix si è candidata per la sezione “Fare Filiera”, il più coerente con il lavoro di rete che da tempo conduce in diverse aree della provincia di Caserta, per mettere insieme energie pubbliche, private e non profit, intorno a progettualità che – tra le altre cose – favoriscono la rinascita di beni confiscati alla criminalità organizzata.

La cerimonia entra nel vivo: la premiazione è prevista per le 12:00.
E’ ufficiale: per quanto riguarda la categoria Fare Filiera, il Premio Oscar Green di Coldiretti Campania è stato assegnato alla Cooperativa Sociale Terra Felix. La motivazione fa riferimento ai progetti che l’impresa sociale atellana – nata come gemmazione di Legambiente – sviluppa nell’ambito dell’agricoltura rigenerativa e della bioeconomia, destinando risorse ed energie per investire anche nei beni sottratti alla camorra.

Il Premio di Coldiretti – nota, entusiasta, la presidente di Terra Felix – testimonia la qualità dei percorsi di rigenerazione territoriale avviati in questi anni e ci incoraggia a proseguire su questa strada: abbiamo ancora tanta energia da riversare nelle prossime sfide che abbiamo in programma per la nostra terra atellana. (Ivan Esposito)